1. Home
  2. Blog di Alessandro Nuzzo
  3. Ascoltava le conversazioni con Siri: Apple si scusa e licenzia 300 lavoratori

Ascoltava le conversazioni con Siri: Apple si scusa e licenzia 300 lavoratori

apple-siri-licenziamenti

Apple si scusa con gli utenti di Siri ammettendo di non esser stata in grado di garantire la privacy per le richieste vocali degli utenti.

Secondo il Guardian, alcuni contractor terzi hanno ascoltato in alcuni casi conversazioni private e “registrato coppie in momenti d’intimità”. Così per i 300 assunti per verificare la presenza di errori nelle registrazioni di Siri è scattato il licenziamento di massa.

“Come risultato della nostra revisione abbiamo realizzato di non essere stati interamente all’altezza dei nostri alti ideali e per questo ci scusiamo” – afferma Apple, annunciando nuove pratiche per tutelare la privacy.

Così centinaia di persone, assunte per verificare la presenza di errori nelle registrazioni di Siri, hanno perso il lavoro da un momento all’altro. Come riferisce il Guardian, che per primo aveva denunciato la violazione della privacy da parte di Apple nell’ascoltare le conversazioni private registrare dal suo assistente intelligente, sono 300 solo nella struttura di Cork i dipendenti mandati a casa.

Menu